EENI Global Business School / Scuola di Affari

Brasile: commercio estero esportazione



Share by Twitter
Italia (Master Commercio Estero)

Unità di apprendimento

Brasile nell'economia globale. Commercio estero brasiliano. Investimento diretto all'estero

  1. Il Brasile nell'economia globale
  2. Bilancia dei pagamenti del Brasile
  3. Esportazione e importazione: espansione e diversificazione
  4. Organizzazioni regionali
  5. Il commercio estero del Brasile come membro del MERCOSUR
  6. L'investimento diretto all'estero in Brasile
  7. Caso di studio: opportunità d'investimento nel settore portuale

Questa unità di apprendimento fa parte dei seguenti programmi da EENI Global Business School:

  1. Masters: Affari Internazionali, Commercio Estero, Trasporto internazionale
  2. Dottorati: Commercio globale, Logistica internazionale

Studente (Corsi, Master, Dottorati, Commercio estero Affari Internazionali)

Italia - Corsi, Master in Inglese Master International Business Italia - Istruzione universitaria online in Spagnolo EENI Italia - Istruzione terziaria online in francese (Corsi, Master, Dottorati) EENI Formazione a distanza in portoghese EENI

Esempio - commercio internazionale del Brasile:

Brasile - commercio internazionale

Dal 2007, il Brasile ha ricevuto un notevole afflusso d'investimenti esteri.

L'investimento diretto all'estero (IDE) rimangono una fonte importante di finanziamento per l'economia brasiliana.

Gli investimenti e il stock d'investimento diretto all'estero è aumentato fino al 70% delle passività degli Esteri brasiliano.

Il Brasile saltato lo scorso anno al quinto posto tra le destinazioni più importanti d'investimento diretto all'estero, secondo il World Investimento rapporto della Conferenza delle Nazioni Unite sul commercio e lo sviluppo. L'investimento diretto all'estero in Brasile è cresciuto da 25,9 miliardi di dollari a dollari 48.400.000.000.

Solo gli Stati Uniti (dollari 228.200.000.000), la Cina (dollari 105.700.000.000), Hong Kong (68,9 miliardi di dollari) e Belgio (61,7 miliardi di dollari) ha ricevuto più investimenti esteri.

La stragrande maggioranza degli Investimenti Diretti Esteri è tradizionalmente concentrata nel Sud del paese e gli stati sud-est (Rio de Janeiro, Rio Grande do Sul e San Paolo).

Il 90% del commercio estero del Brasile passa attraverso i suoi porti, parti della nazione dei flussi commerciali internazionali è altamente dipende l'efficienza delle sue infrastrutture portuali e dei sistemi logistici.

Il porto di Santos gestisce volumi significativi di tutte le modalità di carico e conduce la classifica generale e per le merci contenitoreizzate che di solito comportano più alto valore aggiunto delle merci.

In vari paesi negli ultimi anni, la necessità di effettuare degli investimenti pubblici in un contesto caratterizzato da vincoli di bilancio ha portato a partenariato pubblico-privati ​​in cerca di un mezzo efficiente per fornire servizi pubblici. In Brasile, dopo un anno d'intenso dibattito legislativo con la partecipazione ampia del governo e della società in generale, i partenariato pubblico-privati ​​(PPP) La legge è stata approvata in data 30 dicembre 2004 (Legge 11,079). Un partenariato pubblico-privato comporta a medio o a lungo termine (da 5 a 35 anni) ai contratti per la fornitura di servizi, firmati dal Pubblica Amministrazione, aventi ad oggetto somme di non meno di venti milioni di Reais.

Per quanto riguarda l'effettiva istituzione di un'operazione in Brasile è interessato, il potenziale investitore straniero non avrà difficoltà ad ottenere assistenza professionale qualificata nelle fasi preliminari, e troverà che, a causa dei problemi industriali di grandi dimensioni di base sono pochi incontrato nel trovare joint-venture partner o un impianto di produzione adeguato. Gli investitori stranieri possono entrare nel mercato brasiliano direttamente - tramite una succursale o una filiale - o tramite terzi per mezzo di attività di distribuzione e rappresentanza commerciale.

Brasile investimento Opportunità



(c) EENI Global Business School / Scuola di Affari (1995-2024)
Non usiamo i cookie
Tornare all'inizio della pagina