EENI Global Business School / Scuola di Affari

Diritti umani nell'Islam. Dichiarazione del Cairo


Share by Twitter
Italia (Master Commercio Estero)

Risposta dell'Islam verso l'Occidente (Dichiarazione Diritti Umani). Cooperazione Islamica

La Dichiarazione universale di diritti umani delle Nazioni Unite di 1948 è stato molto criticata per molti musulmani soprattutto del Sudan, del Pakistan, dell'Iran e dell'Arabia Saudita, definendo di avere esclusivamente una visione occidentale, senza avere in considerazione la realtà culturale, religiosa e storica, non soltanto dell'Islam bensì di tutti i paesi non occidentali.

Alcuni musulmani opinano anche che questa dichiarazione non è compatibile con la Sharia.

علان القاهرة لحقوق الإنسان في الإسلام

Esempio: Diritti umani nell'Islam:
Diritti umani nell'Islam

Lingue: Italia - Istruzione superiore online (Corsi, Master, Dottorati) in Inglese Islam Human Rights Italia - Istruzione universitaria online in Spagnolo Islam Derechos Humanos Italia - Istruzione terziaria online in francese (Corsi, Master, Dottorati) Droits de l'homme en Islam Formazione a distanza in portoghese Islão

L'unità di apprendimento "Diritti umani nell'Islam" fa parte dei seguenti programmi di istruzione superiore online insegnati da EENI Global Business School:

  1. Masters: Affari Internazionali, Commercio Estero, Trasporto internazionale, Africa
  2. Dottorati: Affari in Africa, Commercio globale

Studente Italia Corso Master Dottorati commercio estero affari

Molta gente l'ha qualificato la Dichiarazione del Cairo come una risposta dell'Islam a Occidente.

Per questo, nel 1990, tutti i paesi dell'Organizzazione della Cooperazione Islamica adottarono la Dichiarazione del Cairo sopra Diritti Umani nell'Islam

La Dichiarazione del Cairo si basa fondamentalmente nella Sharia e nel concetto de "l'Islam, come rappresentante di Allah nella terra".

Il riferimento alla Sharia è continuo, i diritti della donna sono minori a i dell'uomo, e anche si basa nel concetto di supremazia dell'Islam. Anche se sia considerata come "occidentale", la lettera di diritti universali delle Nazioni Unite non sta soggetto a nessuna legge di nessun paese cercando una universalità. La lettera di Diritti Islamici sta assolutamente soggetto alla Sharia, e come abbiamo veduto precedentemente, l'applicazione di questa dipende di ogni paese.

I non musulmani che vivono nei paesi musulmani con applicazione, totale o parziale della Sharia, possono vederla come un ritagliare di le sue libertà fondamentali.

La lettera delle Nazioni Unite può essere considerata come universale o come occidentale - cristiana, e l'Islamica come musulmana. Non Esiste alcuna dichiarazione universale Induista o buddista.

Ciò nonostante, è indubitabile che entrambe le dichiarazioni hanno valori comuni.

I paesi firmatari della Dichiarazione del Cairo sopra Diritti Umani nell'Islam furono: l'Albania, l'Arabia Saudita, l'Algeria, l'Azerbaigian, il Bahrein, il Bangladesh, il Benin, il Brunei, il Burkina Faso, il Camerun, Ciad, Comore, la Costa d'Avorio, l'Egitto, gli Emirati Arabi Uniti (EAU), il Gabon, il Gambia, la Guinea, la Guinea-Bissau, la Guyana, l'Indonesia, l'Iran, l'Iraq, la Giordania, Kazakistan, Kirghizistan, il Kuwait, il Libano, la Libia, la Malesia, Maldive, Mali, il Marocco, il Malawi, Mozambico, il Niger, la Nigeria, l'Oman, il Pakistan, Territori palestinesi, il Qatar, il Senegal, la Sierra Leone, la Somalia, il Sudan, Suriname, la Siria, Tayikistan, il Togo, la Tunisia, la Turchia, il Turkmenistan, l'Uganda, l'Uzbekistan, lo Yemen e Gibuti.

Religioni, etica e affari - Sharia




(c) EENI Global Business School / Scuola di Affari (1995-2024)
Non usiamo i cookie
Tornare all'inizio della pagina